> 6 settembre h 21.00 in Piazza di Gallura

“ Amo suonare in duo!! Mi piace farlo alla cieca, improvvisando totalmente, mi piace prendere degli standard e stravolgerli o qualsiasi altro materiale ma soprattutto mi piace entrare in sintonia totale col partner musicale del momento, cercando di sviscerare il presente unico ed irripetibile. In 20 anni di carriera ho scritto spesso delle canzoni che non hanno quasi mai trovato spazio nei miei dischi perché non adatte o non inerenti col progetto. Questa piccola formazione è nata per questo motivo, poter suonare queste composizioni che raccontano momenti più intimi della mia vita. Incontri, innamoramenti, abbandoni, fughe, viaggi, fantasie, delusioni, malinconie, etc. Per fare ciò, ho voluto al mio fianco un giovane musicista dal talento immenso e dallo stile molto personale, capace di volare alto e lontano come solo i grandi artisti sanno fare ”
Francesco Bearzatti

Il duo ci presenterà il suo ultimo disco registrato dal vivo per la CAM JAZZ in giugno 2017 all’Abbazia di Rosazzo in una delle cantine di Felluga, uno dei migliori produttori di vino Friulani, all’occasione di un concerto intimo. Il risultato riproduce la complicità che i due musicisti hanno sviluppato lungo anni di concerti in duo. Bearzatti per poter realizzare e presentare questo progetto ha voluto snellire la formazione, riducendola ad un duo, assetto che gradisce particolarmente per la immediata possibilità di interazione, snaturamento e ricostruzione di temi ed ambienti. Il musicista progettuale e trasversale che si è occupato di Tina Modotti, Malcolm X e di fondere Monk con il rock è anche un compositore/esecutore che traccia lirici bozzetti, che ritrae stati d’animo, che prende spunto da una via parigina, dai giochi dei bimbi, da un vecchio film in bianco e nero per brani di particolare bellezza.

Francesco Bearzatti, sassofono & clarinetto
Federico Casagrande, chitarra

FRANCESCO BEARZATTI
Narratore innamorato delle parole e capace di prodigiose innovazioni, straniero sempre e ovunque eppure profondamente italiano, musicista all’eterna ricerca dell’altro, attirato irresistibilmente dai processi rivoluzionari purché liberi e mutevoli e non rigidi, Francesco Bearzatti ha trascorso l’infanzia nella provincia friulana. Diplomato in clarinetto al conservatorio di Udine, Francesco approfondisce gli studi a New York, dove ha modo di incontrare anche George Coleman.
Per molti anni si dedica alla musica rock e pop, e incide alcuni progetti di musica elettronica che segnano profondamente la sua corsa musicale: “Ho suonato molta musica pop specie quando ero molto giovane. Ho suonato per cinque anni in discoteca, più o meno tutte le sere, lavorando con vari dj e come dj, e mi è capitato di registrare anche molta musica elettronica. Questo tipo di situazioni rappresenta un’influenza ancora oggi molto evidente: fa parte del mio background e quando penso ai miei progetti mi viene naturale andare a pescare anche nel mio passato extra-jazzistico”.
Tra le prime e più importanti esperienze formative è certamente il disco “Live At Vartan” – e conseguente tournée negli Stati Uniti – a nome del trombettista russo Valery Ponomarev nel quale si ritrova a suonare con il batterista Ben Riley, storico partner di Thelonious Monk. Forma nel 1994 il Kaiser Lupowitz Trio, formazione composta da Enrico Terragnoli alla chitarra e Zeno De Rossi. Di chiara ispirazione newyorkese, il trio registra un paio di dischi: “Dommage” gode anche della partecipazione di Kurt Rosenwinkel alla chitarra; “You Don’t!”, inciso al Systems Two Studio di Brooklyn, vede affacciarsi Josh Roseman.
Il primo disco da leader è intitolato “Suspended Steps”, inciso per la Caligola in quartetto con Paolo Birro al pianoforte, Marc Abrams al contrabbasso e Max Chiarella alla batteria. Il disco, pubblicato nel ’98 e formato da repertorio quasi totalmente originale, gode di un buon consenso di pubblico e della critica specializzata (in particolare sul magazine francese JazzMan). Tuttavia il periodo seguente, gli anni trascorsi in Francia, a Parigi, segnano per Francesco l’apice della sua corsa artistica. Stringe un’ottima amicizia con Aldo Romano e partecipa alle registrazioni di “Because of Bechet”. Proprio in quell’occasione incontra Emmanuel Bex, virtuoso suonatore di organo. I tre formano il Bizart Trio capeggiato da Francesco e registrano “Virus” per l’Auand di Marco Valente (2003) e replicano l’anno seguente con “Hope” nel quale compare anche Enrico Rava. Nel 2003 viene votato Miglior nuovo talento al Top jazz indetto dalla rivista specializzata Musica Jazz.
Tra le molte collaborazioni, sicuramente di rilievo è quella con Giovanni Mazzarino. Francesco prende parte a diverse incisioni sia del quartetto che del quintetto del pianista siciliano, da “Plays Ballads” del 1999 a “Live allo Spasimo” del 2003, il primo realizzato in quartetto, il secondo in quintetto.
Prende parte al nuovo disco di Gianluca Petrella “Indigo 4” per la Blue Note ed è tra i protagonisti del quintetto di Stefano Battaglia con il quale ha già inciso un disco-tributo a Pier Paolo Pasolini che sarà prossimamente pubblicato dalla celebre casa discografica Ecm. Tra i progetti disponibili a suo nome, oltre al Bizart Trio (artefice dei due dischi per Auand), il premiato progetto “Stolen Days” sempre prodotto da Auand a nome del Sax Pistols (formazione nella quale lo affiancano Stomu Takeishi al basso elettrico e Dan Weiss alla batteria). Inoltre è protagonista di un libero adattamento per voce recitante e sassofoni di “Natura morta con custodia di sax” di Geoff Dyer, il duo con il pianoforte di Jean-Pierre Como e un progetto in solitario su Duke Ellington. Dopo aver partecipato al secondo disco dell’Indigo 4, nel febbraio del 2008 viene pubblicato dalla Parco della musica Records il disco “Tinissima”, lavoro interamente dedicato alla figura di Tina Modotti e concepito con la tromba di Giovanni Falzone e la ritmica formata da Danilo Gallo e Zeno De Rossi, questo è considerato uno dei lavori più interessanti del 2008. Vince nell’ambito del referendum Top Jazz 2009, indetto dalla rivista Musica Jazz, il premio come “Strumentista dell’anno sezione ance”.
Nel 2010 “X (Suite for Malcolm)” viene premiato come “Miglior disco dell’anno” nel Top Jazz 2010 e come Miglior Album in Italia da JazzitAward.
Miglior ancia 2011 referendum Musica Jazz e Miglior Sax Tenore Jazz It awards.
Miglior Musicista Europeo 2011 Accademie Jazz Francaise.

FEDERICO CASAGRANDE
Chitarrista nato a Treviso nel 1980 e da anni residente a Parigi, inizia lo studio della chitarra in Italia in giovane età formandosi prima in musica classica ed esplorando poi il linguaggio jazz.
Continua gli studi al Berklee College of Music di Boston, dove si trasferisce grazie ad una borsa di studio nel 2003 e si laurea summa con laude nel 2006.
Nel 2007 vince il primo premio al prestigioso Gibson Montreux Jazz Festival Guitar Competition, quell’anno presieduto da George Benson.
Da allora tiene un intensa attività concertistica internazionale.
Si e’ esibito in Italia, U.S.A., Canada, Danimarca, Austria, Estonia, Belgio, Germania, Luxembourg, Macedonia, Ukraina, Bulgaria, Lettonia, Portogallo, Svizzera, Francia, U.K., Cina, Taiwan, Vietnam, Corea, Giappone.
Ha pubblicato 15 dischi come leader o co-leader.

“A six string poet, he has everything to become one of the singular voices of contemporary guitar”
JAZZNEWS

“This music is incredibly therapeutic” OUTUNE

“An unrestrainable talent” MUSICAJAZZ

“Astonishing guitarist, an inner music where the feelings bubble and condense in the essence of this terrestrial life itself” ENA

“With his subdued play Casagrande proves progressive jazz guitar a great service and leaves note devouring colleagues like Montgomery, Burrell and Martino behind in the 20th century” JAZZTIMES